CAMPIONATI ITALIANI ASSOLUTI ENDURO – LA THUILE - Velo Club Courmayeur
19942
post-template-default,single,single-post,postid-19942,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-18.0.7,qode-theme-dpsb,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive
 

CAMPIONATI ITALIANI ASSOLUTI ENDURO – LA THUILE

CAMPIONATI ITALIANI ASSOLUTI ENDURO – LA THUILE

Tanto sole, tanta polvere, tanto divertimento….

Questa frase riassume in tre parole chiave il week end appena trascorso a La Thuile dai ragazzi dell’Enduro Crew Valle d’Aosta del Veloclub Courmayeur Mont Blanc per i Campionati italiani assoluti di Enduro.

La squadra, durante questo primo anno agonistico, è cresciuta tanto sia dal punto di vista tecnico, sia per quanto riguarda l’unità e la coesione del gruppo.

Gli allenamenti dell’ultimo mese, per prepararsi a quest’appuntamento così importante, si sono ulteriormente intensificati e tutti i ragazzi hanno risposto con il consueto entusiasmo e tanto impegno alle richieste degli allenatori.

Riuscire ad affrontare e portare a termine questa gara così impegnativa ha dimostrato che i ragazzi sono migliorati tantissimo, soprattutto rispetto alla resistenza.

La gara, infatti, è stata estremamente tecnica e dura, in perfetto stile “La Thuile”. Per i “grandi” (dalla categoria Junior in su)  erano previste 4 Prove Speciali: Touriasse, Belface, K Trail e D Trail. Un percorso totale di 34 km con ben 2.450 m di dislivello negativo.

Per i più piccoli, esordienti e allievi, le prove previste erano due (K trail e D Trail), forse più semplici tecnicamente, ma comunque impegnative e insidiose.

I trasferimenti tra una prova speciale e l’altra sono stati fatti in parte con le seggiovie Bosco express e Chalet express e in parte pedalati.

I primi a partire sono stati gli Junior Giulio Pedelì e Davide Rosset.

Giulio ha fatto una bellissima gara e soprattutto è stato un vero spettacolo vederlo durante l’intera giornata con un sorriso smagliante e una carica di entusiasmo notevole che lo hanno portato a conquistare uno splendido 15° posto di categoria.

Davide, che finora si era dedicato solo al Cross country, ha deciso di avvicinarsi a questa specialità del gravity solo da poco tempo e quella di La Thuile è stata la sua prima gara. E’ partito quindi decisamente con una competizione di alto livello, difendendosi più che egregiamente e migliorandosi ps dopo ps. Alla fine il risultato è stato degno delle aspettative concludendo con un buon 20° posto.

A seguire è stato il turno di Emilie Polo nella categoria giovani femminile (che include sia le esordienti che le allieve).

Emilie non era in una buona giornata, forse pagando un rallentamento degli allenamenti nelle ultime settimane e il fatto di non aver potuto provare le prove speciali il sabato. Comunque, nonostante qualche caduta di troppo, è riuscita a portare a termine la gara, concludendo in 6^ posizione.

E’ stata, poi,  la volta del nostro allievo Gabriele Rasia.

Gabry si è comportato molto bene e, nonostante anche lui vittima di una scivolata iniziale sulla polvere, si è prontamente rialzato ed ha concluso la sua fatica con un buon 24° posto di categoria. Prestazione di buon livello che fa ben sperare, visto che l’anno prossimo passerà nei “grandi”.

Infine sono partiti i tre esordienti del gruppo, oggi in gara: Davide Besenval, Jeremy Carlin e Valentino Sartori.

Davide stava girando decisamente bene, quando, purtroppo, all’inizio della seconda ps ha bucato. Non si è perso d’animo, ha cambiato la camera d’aria ed è ripartito, ma purtroppo ha perso minuti preziosi, che lo hanno fatto retrocedere in 16^ posizione.

Jeremy, in ottima forma in queste ultime settimane, ha purtroppo pagato una caduta di troppo nella quale ha spaccato cambio e catena. Nel D- trail bisognava anche pedalare in alcuni tratti di rilancio, non potendolo fare, anche lui ha perso qualche secondo, arrivando comunque al 13° posto.

Valentino è stato molto bravo e ha fatto una buonissima gara dall’inizio alla fine:  è stato regolare, senza  cadute e senza problemi meccanici. Ha portato a casa un’ottimo tempo e una  12^ posizione in classifica  a una manciata di secondi dalla top ten.

Gli altri Junior del gruppo iscritti alla gara, Marco Antonini e Matteo Bellotto, dopo le prove del sabato, hanno preferito non partire per alcuni passaggi che in gara avrebbero potuto essere troppo rischiosi. Anche queste decisioni, difficili da prendere, dimostrano la maturità dei nostri ragazzi.

La giornata si è conclusa con una gavettonata scatenata in perfetta sintonia con lo stile dell’Enduro Crew: puro divertimento!

Elisa Dalle



Aliquam mattis mattis ipsum dolor Sed ut in accumsan mi,