La prima giornata delle “ ruote grasse” a Courmayeur si tinge di giallonero.
18467
post-template-default,single,single-post,postid-18467,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-18.0.7,qode-theme-dpsb,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive
 

La prima giornata delle “ ruote grasse” a Courmayeur si tinge di giallonero.

ASD Velo Club Courmayeur Mont Blanc, affiliato Federazione Ciclistica Italiana, Mountain Bike, MTB, Courmayeur, Aosta

La prima giornata delle “ ruote grasse” a Courmayeur si tinge di giallonero.

Courmayeur a tinte giallonere, quelle dei colori sociali del Pila Bike Planet che, nelle prime due gare in programma, cala la doppietta. In mattinata, a Courmayeur, nella prima delle tre giornate in programma, il quartetto Giovanissimi strappa la qualificazione per le finali nazionali del Trofeo Coni; nel primo pomeriggio, un altro poker di biker in divsa giallonenera indossa la maglia tricolore dei Campionati italiani giovanili per Società.

La ‘relay’ pomeridiana poteva essere un trionfo valdostano, dopo un dominio Lucchini – Pila Bike per quattro dei cinque giri in programma. Ma proprio nell’ultima tornata, con il Cicli Lucchini al comando, un guasto meccanico estrometteva dalla lotta per il podio Andreas Vittone, che lasciava percorso libero a Filippo Agostinacchio, in solitaria al traguardo a festeggiare con i compagni d’avventura. Gara di testa, a elastico, per le due formazioni, che facevano selezione sin dai primi metri del tracciato di 3 chilometri. Yannick Parisi (Pila Bike Planet; 9’34”) accumulava vantaggio su Filippo Latella (Cicli Lucchini; 10’02”) e Daniele Flati (Melavì; 10’03”). La seconda frazione viveva sul recupero di Nicole Pesse (Lucchini; 10’44”) che riagganciava Giulia Challancin (Pila Bike; 11’10”); alle loro spalle, i distacchi dilatavano, lasciando le due squadre a disputarsi il titolo tricolore. Al terzo passaggio di testimone, Yannick Parisi (Pila Bike; 9’51”) prendeva vantaggio su Hervé Bionaz (Lucchini; 10’09”), divario prontamente rintuzzato al quarto giro, con Gaia Tormena (Lucchini; 11’03”) che riassorbiva Giulia Challancin (Pila Bike, alla sua seconda frazione; 11’24”).

Ultimi tre chilometri con Andreas Vittone (Lucchini) e Filippo Agostinacchio (Pila Bike) a disputarsi la maglia biancorossoverde. È Vittone a dettare il ritmo e prendere vantaggio sul rivale; un errore in discesa del portacolori del Cicli Lucchini permetteva a Agostinacchio di rientrare, poi…, nell’impegnativa salita a metà percorso, pur non azionando sul cambio, la catena di Andreas Vittone saltava. Per Filippo Agostinacchio (9’52”), in grande vantaggio sul secondo in classifica, era una trionfale conclusione di gara: si presentava in solitaria sulla linea del traguardo, fermando i cronometri sul tempo complessivo di 51’49”, consegnando ai compagni il titolo di Campionid’Italia. Andreas Vittone (13’55”) completava più di metà tracciato con la bici ‘a mano’; era superato da Luca Saligari, del Team Melavì Focus Bike (54’20”), che conquistava la medaglia d’argento, e da Edoardo Coari (Ucla1991; 55’19”), con le ruote sul terzo gradino del podio. Nonostante i tanti metri percorsi a piedi, Vittone – e il Ciclo Lucchini – terminavano comunque al quarto posto, con il crono totale di 55’52, a soli 33” dal bronzo.

In ottava posizione il Gs Lupi Valle d’Aosta (Lorenzo Russotto, Lucrazia Balbo, Alessio Cino, Elisa Nigra, mathieu Montovert; 57’54”); 13° VC Courmayeur MB, con Denis Donzel, Elisa Rosset, Nicholas Evolandro, Christèle Vuillermoz, Paolo Farinet (1h 00’28”); 14° Gs Lupi Valle d’Aosta, con Federico Serpone, Alessandro Nigra, Noemi Bionaz, Samantha Gottage, Martina Lenta (1h 08’02”); 15° VC Courmayeur MB, con Waly Mael Faye (anche lui subito attardato da un guasto meccanico), Alessia Leidi, Davide Rosset, Alessia Leidi, Yannick Favre.

A seguire, il Campionato italiano Agonisti, con l’Rdr Italia Team Factory che conclude in quarta posizione, a 27° secondi dal podio, quintetto composto da Federico Stabbio (9’28”), Federico Fiori (9’37”), Emilie Collomb (10’52”), Eleonore Barmaverain (10’44”) e Dominique Sitta (8’58”), al traguardo in 49’38”, nella gara vinta da Team Damil (Nicola Taffarel, Domenico Valerio, Maria Zarantonello, Serena Valvetti e Michel Casagrande; 48’40”9) a precedere Ktm – Protek – Dama (Andrea Righettini, Serena Tasca, Lorenzo Samparisi, Pineda Quintero e Andrea Righettini; 49’09”) e bronzo al Team La Pierre – Trentino, con il castiglionese Fabio Signorino, Alessia Verrando, Anna Oberparleiter, Zaccaria Toccoli e Martino Freut (49’41”).

In mattinata, cinquanta Giovanissimi hanno dato vita alla fase regionale del Trofeo Coni, che ha qualificato i vincitori per la fase finale, in programma a Senigallia (Ancona) a metà settembre. A conquistarsi la trasferta marchigiana è stato il quartetto del Pila Bike Planet.

Dopo quattro batterie di qualifica e le semifinali, in finale la squadra del Pila Bike Planet, composta da Etienne Grimod, Sofia Guichardaz, Mattia Agostinacchio e Mathieu Grimod ha preceduto il Gs Lupi Valle d’Aosta di Beatrice Deregibus, Christian Bionaz, Alessandro Russotto e Maurizio Ronco e il Cicli Lucchini Verde di Gabriel Borre, Alessandro Fantone, Nicole Truc e Remy Latella.



tristique odio at elementum felis eleifend nec